homeHome Chi SiamoChi Siamo ProgrammaProgramma Comunicazioni ai CittadiniComunicazioni ai Cittadini Attività PoliticaAttività Politica Dicono di noiDicono di Noi Lascia un MessaggioLascia un Messaggio Promesse SmascheratePromesse Smascherate ContattiContatti ContattiContatti
 

 

 

COMUNICAZIONE AI CITTADINI

 

 

 

 

La campagna elettorale a Petriolo si infiamma

 

Piera Debora Mancini, candidato sindaco per la lista “DEL LEONE”, prima su “punti di vista”, la trasmissione di approfondimento della rete locale E'tv, poi con una intervista apparsa sul Corriere Adriatico, non le manda a dire: i suoi avversari politici,senza specificare chi tra le due liste concorrenti “PETRIOLO DOMANI” e “LA TUA PETRIOLO”, sono formati, a suo dire, da improvvisati dilettanti allo sbaraglio, che hanno in programma proposte irrealizzabili.

Mettendo in evidenza che la sua lista e' la continuità nel nuovo, cioè esperienza unita a facce  giovani, e che come punto principale di programma si proporrà un rafforzamento ed un perseguimento degli interventi nel settore sociale.

 

 

La lista “Petriolo Domani” con una lettera indirizzata alla candidata sindaco Mancini risponde:

 

“Cara Piera,
ci siamo accorti che c'è chi ama il proprio paese e pensa per lui un avvenire radioso, c'è chi lo ritiene destinato a bivaccare su un'apatia generalizzata, su una moria di slanci. Guardando al nostro paese ci sembra di stare a teatro ad una recita de "La visita della vecchia Signora" di Durrenmatt, ambientato in un paese, una volta florido, ora in fase di implosione, dove tutti passivamente attendono la fine. E' triste constatare dalle tue parole che tu, giovane, pensi questo di Petriolo: bivacchiamo finché possiamo, rivolgiamoci agli anziani perché portano voti, diamo qualche occasione ludica ai giovani perché anche loro sono dei potenziali elettori e non perdiamoci in SOGNI.
Cara Piera, noi non sogniamo, noi ANALIZZIAMO e questa analisi, ti assicuriamo, l'abbiamo fatta con il cuore gonfio di tristezza. Non può esserci programma se non è preceduto da un'analisi. Sei mai andata a passeggio per le vie di Petriolo? Quanti cartelli "VENDESI" sono piazzati qua e là e vi restano anni! Non c'è mercato, cara Piera e i geometri di Corridonia consigliano le giovani coppie di non acquistare a Petriolo, perché sarebbe un investimento congelato! Svegliati, Piera, non farti imbonire da chi ti sta accanto e soprattutto non assumere il cipiglio di chi ha la verità in mano. La verità è sfuggente, nascosta (COSI' E' SE VI PARE, diceva un illustre). Analizza! Altrimenti quando e se sarai sindaco, come tu speri, il calo demografico ti darà seri problemi, come la chiusura di alcune classi, che si cerca di tamponare con provvedimenti risibili o comunque momentanei.

Noi (che non ci sentiamo affatto “improvvisati dilettanti allo sbaraglio”) abbiamo individuato alcuni punti che abbiamo messo nel nostro programma e cioè abbiamo fatto nostri:

1)       Migliorare la viabilità perché si possa trovare interesse a passare a Petriolo nella direzione Macerata - Fermo (le città crescono lungo le vie di comunicazione, muoiono nei deserti)

2)       Sviluppare l'edilizia, anche quella a costo contenuto, pensando alle giovani coppie (che ora si indirizzano a Corridonia)

3)       risolvere il problema del Polo industriale, che tu conosci, e che lo strangola

4)       rivolgere l'attenzione all'Agricoltura, perché le nuove tecnologie possano incidere favorevolmente sui costi della produzione.

5)       (e non ultimo) curare la formazione dei giovani, attraverso un attento programma culturale, perché per noi la Cultura è formativa ed ha un impatto sociale. Non deve mai accadere che un giovane di Petriolo si senta a disagio in una scuola di Macerata per il suo modo di parlare!


Nell'analisi abbiamo individuato questi punti da tener presenti in un programma di SVILUPPO.
E' scontato che l'anziano avrà il sostegno, come pure il giovane disadattato. Questo che tu proponi come programma è un NON PROGRAMMA, perché le forme di assistenza alla parte debole della società sono ormai un punto irrinunciabile di qualsiasi programma (quindi anche del nostro). E' come se in un programma inserissi la voce "Schiavitù: non è ammessa nessuna forma di schiavitù, che verrà perseguita con ogni mezzo". Ci sembra talmente scontato questo punto che non lo metteremmo mai in un programma.
Cara Piera, buona parte della nostra lista ha formazione tecnico-scientifica e quindi il metodo dell'analisi e del conseguente progetto di attacco al degrado è scaturito spontaneamente. Non riusciremmo ad impostare il problema di Petriolo in modo diverso. Poi saranno gli elettori a stabilire chi ascoltare. Ti vogliamo bene e per questo motivo ci permettiamo di darti un consiglio: essere capo è compito difficile (Ricordi Foscolo quando parla del Principe nei Sepolcri?). Ebbene non essere troppo sicura dei tuoi consiglieri, non essere troppo felice perché il bilancio è in attivo. Bisogna leggere tra le righe, bisogna ripercorrere la storia da anni addietro, indagare, capire. Se un giorno sarai sindaco, come il tono sicuro della tua intervista sembra pronosticare, applica lo Spoil System e circondati di persone fidate, più che di persone di esperienza. E' questione di sopravvivenza.

 

Un abbraccio
La lista PETRIOLO DOMANI”